Il regno, video intervista a Stefano Fresi, Max Tortora e al regista Francesco Fanuele

La nostra video intervista ai protagonisti del divertente film Il regno, i sempre simpatici Stefano Fresi e Max Tortora, con il giovane regista Francesco Fanuele

Vi presentiamo la nostra video intervista esclusiva a Stefano Fresi e Max Tortora, protagonisti de Il regno, insieme al regista del film Francesco Fanuele. Ci hanno raccontato i loro personaggi e il film, tratto dal corto di diploma di Fanuele al Centro Sperimentale, e parlato anche del sapersi bastare da soli, sempre con la consueta allegria che li ha resi amatissimi dal pubblico. Il regno, distribuito da Fandango, sarà disponibile dal 26 giugno sulle principali piattaforme streaming tra cui ITUNEs, Google Play, Chily, Sky prima fila, Rakuten, CGHV, Huawei, Infinity, TIMVISION e #iorestoinSALA.

Sinossi

Tranquilli, è una commedia. Eppure trent’anni fa, Giacomo, poco più che dodicenne, viene rinnegato dal padre e cacciato dal casale di campagna che gli ha dato i primi natali. La storia inizia quando il vecchio avvocato del padre, l’eccentrico Bartolomeo Sanna, invita Giacomo a tornare al casale per i funerali dell’odiato genitore. L’uomo si reca al cancello della sua vecchia dimora e nota con stupore che l’avvocato lo è andato a prendere in carrozza. Strano. Ancora più strano è prendere atto che il funerale si tiene all’interno della tenuta, con un prete che parla solo in latino e una folla di contadini vestiti di nero (“amici di papà”, spiega Sanna). Sembra uno scherzo ma non lo è! infatti, Giacomo scopre di aver ereditato Il Regno del padre. In che senso? Presto detto: nei suoi terreni c’è una comunità di persone che ha scelto di tornare a una vita più umile, modesta, senza gli assilli della tecnologia. (“Ma che è? Il medioevo?”, domanda l’ignaro erede al trono). Non capita tutti i giorni di ereditare dei sudditi pronti a darti cieca obbedienza, prosperose ancelle ben disposte a insaponarti la schiena e soprattutto il potere di legiferare a proprio piacimento. Ma Giacomo non è affatto come il padre, che fu un prepotente autocrate tutto d’un pezzo. Lui con i sudditi ci vuole parlare, ci vuole fare amicizia. Grosso errore, nessuno vuole un monarca compagnone, ma lui è così. Riuscirà il re più strampalato della storia a farsi rispettare e diventare l’uomo che non è mai riuscito ad essere?

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui