IFF12: The Drummer and The Keeper, recensione della commedia drammatica sull’amicizia

The Drummer and The Kepper - locandina

The Drummer and The Keeper, di Nick Kelly, film d’apertura della 12ª edizione dell’Irish Film Festa, attraverso le dinamiche dell’amicizia tra due ragazzi, esplora il tema della diversità e dell’incomprensione, con ironia e delicatezza.

Incontro e scontro

The Drummer and The Keeper, di Nick Kelly, film d’apertura della 12ª edizione dell’Irish Film Festa, racconta la profonda amicizia tra Gabriel (Dermot Murphy) e Christopher (Jacob McCarthy). Per frenare i comportamenti imprevedibili di Gabriel, un giovane batterista affetto da disturbo bipolare, la sua psicoterapeuta gli prescrive nuovi farmaci e insiste perché entri in una speciale squadra di calcio. Lì conosce Christopher, un diciassettenne con la sindrome di Asperger, che gioca in porta: dalla loro difficile relazione si sviluppa gradualmente una solido e sincero rapporto d’amicizia, in cui ciascuno impara a rispettare le debolezze dell’altro.

Empatia

Dapprima riluttante a passare anche solo più tempo del dovuto con Christopher, Gabriel non solo impara ad apprezzarlo ma, attraverso di lui, anche a conoscere se stesso. Entrambi fin troppo consapevoli delle loro difficoltà, sentendosi costantemente soli e incompresi, puntano la loro vita ognuno sulle proprie passioni personali: Gabriel spera di sfondare nel mondo della musica con il suo gruppo e Christopher vive con estrema concentrazione e serietà il suo ruolo da portiere, oltre a ricreare passo passo la propria vita con un modellino dei Lego. The Drummer and The Keeper, con pochi elementi e già dalle prime immagini, è capace di far entrare e far empatizzare da subito lo spettatore con i due personaggi principali, sentendo così di conoscerli da sempre.

The Drummer and The Kepper - Dermot Murphy e Jacob McCarthy
Gabriel (Dermot Murphy) e Christopher (Jacob McCarthy) in una scena del film The Drummer and The Keeper la prima volta che Gabriel tenta di scusarsi per il suo comportamento

Sentimenti Veri

Ironico e dolce, divertente e sincero, il film riesce a rendere universale quella che appare un’amicizia particolare. La paura, la vergogna, la rabbia e la delusione che prova Gabriel sono sentimenti comuni, che tutti provano almeno una volta nella vita, così come la solitudine e la sensazione di non essere capiti, che condizionano maggiormente le giornate di Christopher. I due protagonisti, straordinarie interpretazioni dei due attori, hanno sicuramente un modo diverso di affrontare le cose e il loro legame viene a volte messo a dura prova, ma l’affetto e, in un certo senso, l’appartenenza che sentono l’uno all’altro, sono sentimenti sinceri, veri, senza secondi fini, puri come la loro amicizia… non sempre facile da trovare.

Un cammino da percorrere

Con un regia delicata e dolce, che contribuisce a rendere il film carico di sensibilità, alternato a momenti di amarezza, The Drummer and The Keeper è un inno all’amicizia e a quei legami che, anche se costruisti in poco tempo, possono durare per sempre. Ciò che lega Gabriel e Christopher è costantemente sospeso tra surreale e spontaneo, tra imprevedibilità e naturalezza, e questo non fa che aumentare la verosimiglianza del loro rapporto. Un film che invita ad abbracciare l’altro e non a respingerlo sempre, con una fotografia caratterizzata da colori caldi e chiari e i costumi dei protagonisti opposti e complementari, Gabriel e Christopher sembravano davvero destinati ad incontrarsi e a diventare amici, sapendo che ci saranno sempre l’uno per l’altro.

Trailer.

The Drummer and the Keeper, diretto da Nick Kelly, con Dermot Murphy, Jacob McCarthy, Charlie Kelly, Peter Coonan, Aoibhinn McGinnity, Olwen Fouéré, è stato presentato alla 12ª edizione dell’Irish Film Festa ed è uscito in Irlanda l’8 settembre 2018 distribuito da Element Pictures.

[yasr_overall_rating]

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui