I grandi dimenticati: appuntamento su Rai Storia con il primo episodio

Pepito Produzioni in collaborazione con Rai Cultura presenta I grandi dimenticati, una serie di sei episodi sui capolavori abbandonati del patrimonio artistico-culturale italiano ed europeo. Regia di “Cane Secco”. Primo appuntamento stasera su Rai Storia!

Il racconto dei capolavori abbandonati o dimenticati del patrimonio artistico e culturale italiano ed europeo, e le loro storie, le leggende e i ricordi. È la nuova serie i sei episodi I grandi dimenticati, in onda da lunedì 21 gennaio alle 21.10 su Rai Storia. Firma la regia Matteo Bruno, aka Cane Secco, giovane e noto Youtuber romano ventisettenne. In ogni puntata viene raccontata una meraviglia dell’architettura, dell’arte o dell’ingegno umano. Si comincia con il carcere di Santo Stefano. Alla fine del ‘700 a Santo Stefano, piccola isola di fronte a Ventotene, i Borboni costruirono un carcere che ospitò nelle sue celle centinaia di ergastolani, delinquenti comuni. Tra loro anche prigionieri politici e personaggi che fecero la storia d’Italia come Luigi Settembrini e Sandro Pertini. Intrecciati con la storia del carcere, il racconto di un’ex guardia penitenziaria e la testimonianza del figlio di Eugenio Perucatti, direttore illuminato del carcere negli anni ’50 che cercò di migliorare le condizioni di vita degli ergastolani. Un luogo di dolore e redenzione, di crimine e di ideali che non va dimenticato.

I grandi dimenticati - Rai Storia
I capolavori riscoperti nella nuova serie Rai Storia diretta da “Cane Secco”

I grandi dimenticati è una produzione di Pepito Produzioni. La prima edizione, realizzata in collaborazione con Rai Cultura, andrà in onda con la prima puntata Il carcere di Santo Stefano il 21 Gennaio 2019 su Rai Storia (canale 54 del digitale terrestre). Il percorso narrativo si è sviluppato in Italia e all’estero, in 6 episodi: Il carcere di Santo Stefano (21 gennaio), Le Gualchiere di Remole (28 gennaio), Forte Aurelia (4 febbraio), Albergo Diurno Venezia (11 febbraio), I Quattro Pizzi (18 febbraio), La Stazione di Canfranc (25 febbraio).

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui