GionnyScandal presenta Anti: «Riporto il pop-punk nel mercato italiano»

GionnyScandal2

GionnyScandal presenta alla stampa Anti, il nuovo disco che vede il suo approdo nel mondo musicale pop-punk, con un duetto d’eccezione insieme a Pierre Bouvier dei Simple Plan: ecco cosa ci ha raccontato

Da venerdì 7 Maggio sarà disponibile in fisico e digitale Anti il nuovo album d’inediti di GionnyScandal e segna l’approdo dell’artista nel mondo musicale del pop-punk, mostrandosi realmente per quello che è senza fardelli e inutili congetture. Il pre-order del nuovo lavoro è già disponibile al seguente link https://gionnyscandal.lnk.to/ANTI.

Nell’incontro con la stampa: «Lancio un messaggio di libertà musicale e sessuale, tema di cui serve parlare in questo momento storico. Anche la copertina è da leggere in questo senso, mi rivelo nudo e accompagnato solo dalla chitarra. Avevo una band pop punk prima del 2009 ma suonavamo per noi stessi nel garage. Riportare il genere nel mercato attuale come alternativa alla trap è l’obiettivo di questo progetto. Ho raggiunto una nuova maturità e consapevolezza del mio essere artista, sono libero da ansie, paranoie e inutili paure. Ora finalmente quando sono in studio sono felice della musica che sto facendo, non che prima non lo fossi, ma la mia vera identità è sempre stata questa. Mi mancava suonare la chitarra distorta, mi mancava scrivere senza filtri».

Il disco, contenente ben 14 brani, s’impreziosisce di una grande collaborazione internazionale, quella con Pierre Bouvier, il cantante dei Simple Plan, una delle band pop punk più famose e importanti del mondo. Gionny duetta con lui in Nicotina realizzando uno dei più grandi sogni della sua vita e ci racconta come è nato il tutto: «Ho il suo poster in cameretta, mi sono detto che per dare credibilità a un progetto del genere mi devo affidare a uno dei massimi esponenti del genere, che provare non costa niente. Quindi, senza passare dalla burocrazia della discografica, ho scritto al diretto interessato su Instagram chiedendoli di fare un pezzo con lui con la faccia tosta e la speranza ridotta a zero e dopo venti giorni mi ha risposto semplicemente: si, facciamolo. Ho chiamato tutti come se avessi vinto il superenalotto, li ho mandato un pezzo già completo, mi ha risposto dopo altri 15 giorni, mi ha dato il suo numero e abbiamo fatto il feat in videochiamata scrivendo con gli accordi il ritornello di Nicotina. Mi ha colpito il fatto che sia una rock star molto umile e questo paradosso è fantastico, su Whatsapp mi ha ringraziato per avermi avuto nel mio disco e stavo quasi per arrabbiarmi perché era esattamente il contrario, penso che stamperò e appenderò questo messaggio finale che ho ricevuto da lui».

Anti perché volutamente non mainstream nelle intenzioni: «Per il mercato attuale il mio disco è assolutamente fuori moda, pezzi di questo genere non sono in classifica da anni ma ci sono tanti della mia generazione e non solo che non hanno mai smesso di ascoltarlo, il titolo in sé manifesta l’obiettivo di un progetto non mainstream, ovvio che mi piacerebbe che il genere tornasse in voga».

Gionny conclude con una riflessione a tutto tondo sul rock e con la speranza che possa aiutare a un ricambio generazionale futuro: «Non c’è stato anno migliore per fare rock, non ho mai visto così tante batterie e chitarre elettriche suonate a Sanremo e in fatto di uscite, spero di avere azzeccato il periodo giusto. Sono contento che molti fan abbiano iniziato a suonare la chitarra mandandomi le cover di Salvami, bisogna vedere se ci sarà davvero un ricambio generazionale nel campo del punk-rock e con questo disco spero di aiutare i giovani a ritornare ad ascoltarsi i Sum41, i Blink 182. Ho già notato un piccolo segnale di interessamento e questo mi fa piacere».

Gionny Scandal - Anti cover
Gionny Scandal – Anti cover

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui