Gianluca Grignani a Sanremo 2023: «Qua grazie all’amore del pubblico»

Gianluca Grignani - ph Ste Brovetto
Gianluca Grignani - ph Ste Brovetto

Ecco cosa ha raccontato nell’incontro stampa Gianluca Grignani che torna al Festival di Sanremo con Quando ti manca il fiato

Gianluca Grignani tra gli artisti in gara del Festival di Sanremo 2023. In apertura dell’incontro con la stampa a poche ore dalla sua prima esibizione racconta di cosa parla il suo brano Quando ti manca il fiato: «Questo testo mi mette di fronte a me stesso, in un momento in cui ci facciamo una domanda si crea un dubbio, questa canzone non ha una morale ma è un modo per reagire, cerco di preservare la mia emotività per stasera, ho espresso un decimo delle mie potenzialità, di quello che potevo dare nella mia carriera, confido in un Sanremo sincero, mi ritengo solo fortunato».

Riguardo alla criticata esibizione dello scorso anno con Irama ci racconta: «Avevo preso il cortisone perché dovevo cantare, ero gonfio per questo, non ho dato peso alle critiche, quella partecipazione mi ha spinto a volere tornare su quel palco dall’accoglienza della gente, non pensavo di essere entrato nel cuore delle persone ed è stato un incentivo per essere qua».

Tornando sul pezzo in gara sottolinea che non ha una morale: «Gli accordi che definiscono la felicità o la tristezza di un pezzo è la terza maggiore o minore, non era usata nel blues, questo perché non doveva emergere nello schiavismo dei campi di cotone l’esternazione delle emozioni. Anche Destinazione Paradiso non ha una morale, molti pezzi di Bob Dylan non l’hanno, quando ti manca il fiato hai una sensazione amara, si chiama vita. Intitolarla Ciao Papà sarebbe stato troppo leggero, ho dato una risposta reagendo».

Usciranno tre dischi da indipendente, quando li viene chiesto se ha percepito di essersi ritrovato ai margini del mercato ci dice: «Ho la certezza che la mia musica ha un futuro, avrei potuto ammiccare alla moda del momento per un applauso veloce ma non riesco a intraprendere la strada più facile, ci ho messo anni per capire che la mia produzione ha innovato il modo di scrivere canzoni in Italia. Non ha la data di uscita perché la decido io, le cose cambiano, quando ritengo sia giusto, la musica è diventata marketing, con me no».

La lezione più grande che ha imparato: «Per vivere devi metterti in condizioni di difficoltà, l’incertezza è giovane, la sicurezza è vecchia, la nuova generazione permetterà di costruire un futuro basato su qualità umane e non sulla furbizia». Durante la serata delle cover duetterà con Arisa a cui dedica parole di profonda stima: «Arisa è talmente eclettica che riesce a rende vulcanica ogni cosa che fa, ci sono interpreti che sono artisti, lei ne è un esempio». 

Gianluca Grignani - Quando ti manca il fiato cover
Gianluca Grignani – Quando ti manca il fiato cover

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci qui il tuo nome