Freddie Mercury, 28 anni dalla sua morte: il ricordo con delle curiosità

Freddie Mercury

28 anni fa ci lasciava Freddie Mercury, il leggendario frontman dei Queen. Lo ricordiamo con alcune curiosità.

28 anni fa ci lasciava Freddie Mercury, il frontman dei Queen. Una broncopolmonite con delle complicazioni dovute alla malattia dell’AIDS tolsero la vita a uno dei più rivoluzionari artisti della storia della musica a soli 45 anni di età. Lo ricordiamo con alcune curiosità.

– Nel 1984 la band fu ospite a Sanremo e fu costretto dalla produzione ad esibirsi in playback. Freddie fece di tutto per far notare al pubblico il suo dissenso allontanando più volte il microfono dalla bocca. Privarsi delle sue doti canore dal vivo è da ritenere una blasfemia ma in Rai vigevano queste regole, che furono pure parecchio criticate anche durante i giorni dopo l’accaduto.

Don’t stop me now è stata definita, secondo uno studio scientifico compiuto nel 2016 dall’università di Groningen in Olanda, in assoluto la canzone più incoraggiante e che fa stare meglio le persone. Questo deriva da una formula matematica che tiene conto della tonalità e di altre caratteristiche tecniche di un brano. Ci limitiamo a constatare l’adrenalina che provoca l’ascolto del pezzo per confermare la veridicità dello studio.

Freddie è stato l’idolo indiscusso di un cantautore italiano che non ha mai nascosto di ispirarsi a loro e di essersi innamorato della musica grazie alle canzoni della band britannica: Cesare Cremonini. Anche oggi l’ex Lunapop ha postato sulla sua pagina Instagram un sentito ricordo in occasione dell’anniversario della morte del leggendario cantante britannico: «Oggi, nel 1991, ci lasciava Freddie Mercury. La sua sensibilità musicale e le doti da intrattenitore con cui affrontava ogni palcoscenico hanno avuto una influenza gigantesca su di me e su milioni di ragazzi e ragazze appassionati di musica. La leggerezza e l’ironia con cui ha attraversato le mode senza perdere la propria personalità sono stati un grande esempio. La voce di un fuoriclasse straordinario come Mercury vivrà in eterno. Freddie è sempre stato fuori moda, anche ora che la sua musica è patrimonio di tutti. Un’eredità da condividere con tutti voi: la musica del futuro, è semplicemente quella che vive più a lungo.»

– L’eclettico e irriverente cantautore Ruggero de i Timidi ha voluto omaggiare i Queen proponendo durante il suo secondo raduno lo scorso settembre Tsunamian Raphsody, uno spettacolo ispirato al film uscito nelle sale a inizio 2019 e che ha avuto un enorme successo mondiale. Freddie perdonalo, sapeva quello che faceva!

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui