Giuseppe Fiorello ospite al SalinaDocFest con Lettere a mio padre

Giuseppe Fiorello ospite SalinaDocFest

Special guest del SalinaDocFest sarà Giuseppe Fiorello che porterà al festival Lettere a mio padre: un excursus di musica, parole e immagini dedicato alla morte dei padri dell’Italia dagli anni cinquanta ad oggi. A Fiorello andrà il premio Irritec.

Tra i grandi ospiti del SalinaDocFest (dal 13 al 15 settembre) ci sarà Giuseppe Fiorello che arriva a Salina il 15 settembre per la serata di chiusura del festival portando, nella piazza di Santa Marina, un incontro inedito tra musica, immagini e parole. Lettere a mio padre sarà dedicato alla memoria dei padri, in un lungo excursus che va dall’Italia dagli anni Cinquanta a oggi. A introdurre sul palco Giuseppe Fiorello al pubblico del Festival ci sarà Giovanna Taviani, fondatrice e direttrice del SalinaDocFest. Tutto cominciò da un sms, un messaggio che Vittorio Taviani mandò a Giuseppe Fiorello dopo aver visto la sua interpretazione in Volare – La grande storia di Domenico Modugno.

L’incontro prenderà il via da questo messaggio e sarà un viaggio nell’Italia dal dopoguerra a oggi attraverso alcune tappe della memoria legate ai padri scomparsi, da Pasolini a Modugno, accompagnate dalla musica e rievocate da Fiorello con il supporto dell’immagine. L’incontro partirà simbolicamente da un ricordo di Vittorio Taviani per raccontare il nostro paese e ricostruire quell’orizzonte comune, che passa attraverso la memoria, lasciataci in eredità dai nostri padri. A fare da contrappunto al testo e alla voce di Giuseppe Fiorello, le miniere in Sicilia con le foto di scena da Un uomo da bruciare (1962), dedicato a Turiddu Carnevale (Gian Maria Volontè), il sindacalista siciliano ucciso dalla mafia tra le miniere di Sciara.

Giovanna Taviani fondatrice e direttrice del SalinaDocFest
Giovanna Taviani fondatrice e direttrice del SalinaDocFest

E ancora le parole di Pasolini e il doppio volto del progresso con le immagini del petrolchimico di Gela e di Augusta. Da sfondo alcuni passaggi del celebre documentario L’Italia non è un paese povero di Joris Ivens (1960), ad oggi uno dei lavori più significativi dell’epoca per il ritratto che offre dell’Italia a cavallo tra gli anni della ricostruzione e quelli del boom economico, scritto dal grande documentarista olandese in collaborazione con i Fratelli Taviani e Valentino Orsini. Tra i temi che saranno affrontati ci sarà l’emigrazione italiana per ricordare quando gli emigranti eravamo noi, da sempre uno dei temi centrali del SDF, che quest’anno mette in campo la comunità e l’urgenza di ricostruire un orizzonte comune di intesa e di empatia, che ci facciano riscoprire uniti, ricordando come eravamo, come siamo e come saremo.

Ad accompagnare il testo e il canto, le immagini di repertorio da alcuni grandi film del cinema italiano dedicati all’emigrazione dei nostri nonni e dei nostri padri. Ma anche le immagini di repertorio della Panaria Film, la prima casa di produzione dedicata al documentario subacqueo che ebbe sede proprio qui a Salina, con i suggestivi fondali delle Eolie, le eruzioni dello Stromboli e le montagne di pomice bianca dove lavoravano i cavatori di pietra. Alla regia il supporto di Mario Incudine, da quest’anno collaboratore alla direzione artistica per la parte spettacoli del SalinaDocFest insieme a Giovanna Taviani. A Giuseppe Fiorello sarà consegnato il prestigioso Premio Irritec che sarà consegnato da Giulia Giuffré  marketing director del gruppo Irritec.

Il SalinaDocFest è promosso da Comune di Santa Marina, Comune di Malfa e da Salina Isola Verde – Associazione Albergatori di Salina. Con il sostegno del MiBACT Ministero per i Beni e le Attività Culturali – Direzione Generale Cinema – è realizzato nell’ambito del Programma Sensi Contemporanei Cinema, Regione Siciliana – Assessorato Turismo, Sport e Spettacolo – Ufficio Speciale per il Cinema e l’Audiovisivo, Sicilia Film Commission, in collaborazione con il Comune di Palermo, l’Università degli Studi di Messina, Città di Enna – Vento di Cultura, UNHCR, Cidi Palermo, Associazione Carta di Roma, 100 Autori, Doc/it, AMC, AFIC, Apollo 11, il Portale del Documentario e con una rete di partenariati e gemellaggi con alcuni tra i principali festival e realtà internazionali e nazionali dedicate al documentario.

Giuseppe Fiorello ospite del SalinaDocFest
Giuseppe Fiorello ospite del SalinaDocFest

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here