Festival di Film di Villa Medici 2023: svelato il programma ufficiale

Festival di Film di Villa Medici 2023 - banner
Festival di Film di Villa Medici 2023 - banner

Festival di Film di Villa Medici 2023, svelato il programma ufficiale con i 12 film in gara, di tutte le durate e i generi, tra cui 2 anteprime mondiali e 10 anteprime italiane: in giuria Alice Diop, Cyprien Gaillard e Chiara Parisi

Festival di Film di Villa Medici

Nell’ambito della terza edizione del Festival di Film di Villa Medici (qui il sito internet ufficiale), che si terrà a Roma da mercoledì 13 a domenica 17 settembre 2023, saranno presentati dodici film in competizione internazionale. Tra queste produzioni, di tutte le durate e i generi, anche 2 film presentati in prima mondiale e 10 in prima italiana. Parallelamente ai dodici film della competizione internazionale, nella sezione Focus saranno presentati alcuni film fuori concorso con carta bianca da parte dei membri della giuria. Infine, cinque proiezioni all’aperto sul Piazzale di Villa Medici, scandiranno le serate del festival.

Il prossimo settembre registi e pensatori di tutti i continenti si ritrovano a Villa Medici per celebrare la vitalità delle pratiche cinematografiche contemporanee attraverso una selezione di proposte – film d’autore, cinema d’essai, fiction o documentari – che si distinguono per l’originalità del discorso o della forma, nel rispetto della filosofia che dà vita alla manifestazione: oggi la domanda ontologica del cinema non è più “Che cos’è un’immagine giusta?”, bensì “Che cos’è un’immagine reale?”. Le immagini generate dalle macchine si incastrano letteralmente nel nostro mondo, modificando il rapporto di realtà che con esso intratteniamo per creare un territorio terzo in cui lo sguardo del cineasta deve reinventarsi per esistere e affermare un punto di vista sul mondo.

La giuria del festival, composta da Alice Diop, Cyprien Gaillard e Chiara Parisi, svelerà il suo palmarès durante la grande serata di sabato 16 settembre. Assegnerà due premi: il Premio Villa Medici per il miglior film e il Premio della Giuria per un film particolarmente apprezzato dalla commissione. Questi premi, che prevedono compensi in denaro, offriranno l’opportunità ai due registi di soggiornare presso Villa Medici a fini creativi o di ricerca.

Festival di Film di Villa Medici 2023 - locandina
Festival di Film di Villa Medici 2023 – locandina

Il programma

  • 18.000 WORLDS di Saodat Ismailova (2023, Uzbekistan, Paesi Bassi, 30′) Prima mondiale

Secondo il mistico del XIIesimo secolo Shihab al-Din Yahya al-Suhrawardi, il mondo in cui viviamo è solo uno dei 18.000 che compongono l’universo. Il film 18.000 Worlds è concepito come un racconto video che richiama l’attenzione su un mondo che perde il contatto con gli antenati, e dove il pericolo di perdere forme di conoscenza è reale.

  • ABATTOIR U.S.A.! di Aria Dean (2023, Stati Uniti, 10′) Prima mondiale

Abattoir, U.S.A.! esamina l’interno di un mattatoio vuoto progettato utilizzando un motore di tecnologia 3D per videogiochi (Unreal engine), presentandolo come un luogo in cui viene prodotto il confine tra l’uomo, l’animale e la macchina e in cui viene messa a nudo l’intimità del modernismo con la morte.

  • BANEL & ADAMA di Ramata-Toulaye Sy (2023, Francia, Senegal, Mali, 87′) Prima italiana

Banel e Adama sono perdutamente innamorati. Questa giovane coppia sposata vive in un villaggio isolato del Senegal. Tuttavia, il loro amore perfetto si scontra con i costumi della loro comunità. Perché in questo mondo non c’è posto per la passione, tanto meno per il caos.

  • CAPITAL di Basma al-Sharif (2023, Egitto, Italia, Germania, 17′) Prima italiana

Un ventriloquo, canzoni e spot pubblicitari ritraggono un periodo fascista apparentemente passato.

  • EL AUGE DEL HUMANO 3 (THE HUMAN SURGE 3) di Eduardo Williams (2023, Argentina, Portogallo, Brasile, Paesi Bassi, Taiwan, Hong Kong, Sri Lanka, Perù, 121′) Prima italiana

Diversi gruppi di amici vagano in un universo buio, piovoso e ventoso. Trascorrono del tempo insieme, cercando di sfuggire ai loro deprimenti lavori e di imboccare la strada verso nuovi orizzonti.

  • HOW I BECAME A COMMUNIST di Declan Clarke (2023, Irlanda, 55′) Prima italiana

Con un racconto popolare europeo, il film evoca la scomparsa del movimento politico della sinistra unificata. Descrive anche la vita quotidiana di una donna anziana che gestisce una fattoria al confine tra l’Irlanda del Nord e la Repubblica d’Irlanda.

  • LA IMATGE PERMANENT (THE PERMANENT PICTURE) di Laura Ferrés (2023, Spagna, Francia, 94′) Prima italiana

Antonia, madre adolescente, scompare nel cuore della notte, abbandonando il suo neonato. Cinquant’anni dopo, Carmen, introversa direttrice di casting, è alla ricerca di persone che condividano le loro esperienze. Nella sua ricerca, Carmen incontrerà Antonia.

  • MAST-DEL di Maryam Tafakory (2023, Iran, Regno Unito, 17′) Prima italiana

Canzone d’amore che non supererebbe mai la censura, Mast-del parla di corpi e desideri proibiti, sia all’interno che all’esterno del cinema iraniano del dopo rivoluzione.

  • MON PIRE ENNEMI di Mehran Tamadon (2023, Francia, 81′) Prima italiana

Mojtaba, Hamzeh, Zar e altri hanno subito interrogatori ideologici in Iran, in diversi periodi della loro vita. Mehran Tamadon, il regista, chiede loro di sottoporlo a un interrogatorio nel modo in cui potrebbe condurlo un agente della Repubblica islamica.

  • NAFURA di Paul Heintz (2023, Francia, 27′) Prima italiana

Un road movie che si svolge una sera d’inverno in un luogo non meglio precisato della penisola arabica. Tre amiche, per ingannare la noia, si lanciano in una lotta verbale che porta a una riflessione sul potere e sui divieti.

  • PACIFIC CLUB di Valentin Noujaïm (2022, Francia, 16′) Prima italiana

Nel 1979, viene inaugurato il Pacific Club nei sotterranei de La Défense a Parigi, e diventa il primo nightclub ad accogliere gli arabi della periferia. Azedine, che all’epoca aveva 18 anni, ci racconta la storia dimenticata di questo club.

  • REVOLUTION DER AUGEN (REVOLUTION OF THE EYES) di Friederike Pezold (Pezoldo) (2022, Austria, 75′) Prima italiana

Immagini, troppo numerose, troppo rapide, troppo forti, che disperdono il nostro sguardo, silurano la percezione e accendono il cervello. Revolution of the Eyes prescrive dei “LOOK-PAUSES” per contrastare il “sovradosaggio di immagini digitali di merda”: concentrazione dello sguardo attraverso immagini ridotte all’essenziale, immagini celebrate per il loro stile e la loro durata.

6 appuntamenti “Focus”

La sezione  Focus presenta invece film di artisti fuori concorso e carte bianche che invitano a esplorazioni cinematografiche singolari e permettono di condividere momenti speciali con i membri della giuria, gli artisti e i registi.

3 carte bianche ai membri della giuria: Alice Diop, Cyprien Gaillard e Chiara Parisi.

Le carte bianche propongono al pubblico di entrare nell’universo cinematografico e artistico dei membri della giuria Alice Diop, Cyprien Gaillard e Chiara Parisi, durante una sessione inedita, fatta di film scelti nel proprio corpus, altri che li hanno ispirati o che vogliono farci (ri)scoprire.

La cineasta Alice Diop presenta una selezione della Cinémathèque des banlieues: L’Amour existe (Maurice Pialat, 1960), La voix des autres (Fatima Kaci, 2023) con il suo Vers la tendresse (2016).

Saint Omer - la regista Alice Diop (foto di Cyrille Choupas)
Alice Diop (foto di Cyrille Choupas)

L’artista Cyprien Gaillard proietta in sala due dei suoi film: Cities of Gold and Mirrors (2009) e Ocean II Ocean (2019) in dialogo con il sorprendente L’Ordre di Jean-Daniel Pollet (1973).

La direttrice del Centre Pompidou-Metz, Chiara Parisi, propone al pubblico di scoprire Strates (Bintou Dembélé, 2016), Sue (Elisabetta Larosa, 2021) e All-in (Mohamed Bourouissa, 2012).

  • Contrechamp Ismaïl Bahri / Marguerite Duras / Francis Alÿs

L’artista Ismaïl Bahri, borsista 2023-2024 di Villa Medici, propone una riflessione sull’apparizione dell’immagine e una traversata di Tunisi a tentoni, Apparition (2020) e Orientations (2010) a confronto con i film Les mains négatives (1979) di Marguerite Duras e Reel-Unreel di Francis Alÿs (2011) che tentano entrambi una traversata della città, Parigi all’alba e Kabul.

  • Contrechamp Madison Bycroft / Suzan Pitt

L’artista Madison Bycroft, borsista 2023-2024 di Villa Medici, interpreta nel suo film Charlotte (2023) la confusione dei generi e delle specie, in una rivisitazione di un personaggio del XVIIIesimo secolo, il cavaliere d’Eon, diplomatico appassionato di botanica, ma anche enigma storico. Il film dialoga con Asparagus (1979), sorprendente animazione realizzata dall’americana Suzan Pitt.

  • Contrechamp Mali Arun

La Maison (2019), è un film documentario della cineasta Mali Arun, borsista 2023-2024 di Villa Medici, che ha piazzato la sua cinepresa in una casa singolare, aperta alla gente, ai vivi, ai saggi e ai pazzi, ma anche al vento, alla pioggia.

5 serate del Piazzale

Parallelamente alla competizione ufficiale dei film proiettati durante la giornata, il pubblico del festival si riunisce ogni sera sul Piazzale, davanti alla facciata storica e ai giardini di Villa Medici, per proiezioni all’aperto di film recenti che includono numerose anteprime, ma anche classici del cinema in versione restaurata. Per questa terza edizione del festival, il film Mauvais Sang di Leos Carax, restaurato grazie al contributo di CHANEL, sarà oggetto di una proiezione speciale giovedì 14 settembre in presenza del regista. Un incontro eccezionale sarà anche organizzato con lui durante la settimana del festival.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci qui il tuo nome