Federica Carta alla MMW 2020: «Contro gli haters non si risponde con l’odio, ho un pezzo nuovo molto forte»

Federica Carta è stata la protagonista di un’intervista in occasione della Milano Music Week 2020 in cui ha raccontato del duetto con Chadia Rodriguez, del suo rapporto con i social, della sua esperienza a Sanremo e di molto altro

Federica Carta è stata la protagonista di un’intervista in occasione della Milano Music Week 2020 e come primo argomento è stato affrontato quello relativo al singolo Bullshit e in particolare al videoclip, girato a New York: «Sono molto legata a quella città, ti rimane nelle ossa, non solo nel cuore. Se sei un’artista ti arriva un’energia unica. Spesso ci penso prima di andare a dormire, spero di andarci a vivere per un periodo prima o poi. Viaggio spesso con il rullino foto del telefono e mi mette malinconia. Mi sono riguardo il video e anche solo vedere l’intro con i palazzi mi ha dato quella sensazione perché sono stata davvero bene».

Un grande successo estivo è stato Bella così, duetto con Chadia Rodriguez ed è stato pure la punta di diamante di un progetto contro il body-shaming, il cyber-bullismo e in generale gli haters: «“Bella così” ha lanciato un messaggio importante e sono felice dei tanti ringraziamenti ricevuti per la canzone. Mi sono esposta anche quando è uscita la copertina con Vanessa Incontrada con delle stories a suo favore. Qualunque personaggio mediatico può essere bombardato sui social, tutti i miei presupposti di fregarmene non hanno avuto molto effetto perché alla fine ci rimani male e anche per questo ho apprezzato la copertina con il titolo gigante “Nessuno mi può giudicare”. La gente si sente protetta sul web nel giudicare e la maggior parte di essi non lo farebbe mai dal vivo. La lezione principale che mi sento di dare è che non bisogna rispondere all’odio con l’odio».

Su Tik-Tok sono venute fuori delle hit negli ultimi mesi, per cui è stato oggetto di discussione anche quel social per capire se sia solo uno strumento del suo lavoro come può essere la radio o se tende a viverlo serenamente senza interessarsi che il suo brano diventi virale lì: «Cerco sempre di pensare di fare un pezzo per me e non con fini del genere. Io nemmeno ce l’avevo prima di “Bullshit”, ho un team che mi ha spronato. Ogni volta che apro l’app ricevo degli impulsi e mi rendo conto che sia uno strumento da sfruttare. Il mio social preferito in realtà è Instagram perché posso rispondere direttamente ai fan nelle direct o pubblicare le stories».

Lo scorso anno la giovane artista ha partecipato in coppia con Shade al Festival di Sanremo e riguardo a questo racconta: «Lo stress di quel posto è notevole ma allo stesso tempo è stata un’esperienza davvero gratificante. La sera della finale, due ore prima di cantare, ero totalmente afona, poi quando sali sul palco trovi una voce che non sai nemmeno tu d’avere, ti trasformi come Cenerentola e dopo torna la zucca. Il primo giorno di prove è stato davanti ai giornalisti che hanno ascoltato in anteprima il pezzo live, stono la prima nota del primo ritornello e io già vedevo le recensioni pessime. Ci tengo troppo al mio lavoro e vivo di paranoie, a volte inutili».

Riguardo ai suoi progetti futuri, infine, risponde: «Un grande desiderio che ho quello di essere completamente soddisfatta dal punto di vista artistico e di far emergere tutte le mie sfaccettature. Ho un pezzo che mi piace tantissimo e che ritengo davvero significativo, spero di pubblicarlo presto».

Federica Carta - MMW 2020
Federica Carta – MMW 2020

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui