Europe Shine a Light, conferenza: Diodato si esibirà dall’Arena di Verona

Diodato - Conferenza Europe Shine a Light

Nella conferenza stampa di presentazione dell’Europe Shine a Light sono state illustrate le anticipazioni e gli ingredienti di questo format alternativo dell’Eurovision, in onda sabato sera su Rai1. Diodato si esibirà dall’Arena di Verona.

Claudio Fasulo ha spiegato gli ingredienti della serata e gli ospiti: «Questa versione alternativa dell’Eurovision è stata realizzata dalla Rai in collaborazione con la tv olandese, una serata di celebrazione per cercare di gratificare e dare visibilità 41 artisti capitati in un anno sbagliato. Ci saranno i saluti e una parte della performance di ciascuno, un altro momento importante con video dedicati alla situazione che attanaglia il continente, un brano corale dal titolo Love Shine a Light che vinse nel ’97 l’Eurovision. Poi ci saranno star che hanno fatto la storia della kermesse. avremo Mahmood, Ermal meta e Fabrizio Moro, Francesco Gabbani, Francesca Michielin, Il Volo, Al Bano che ha partecipato tre volte, Enzo Miccio per parlare delle vesti sempre molto particolari e infine Federico Russo e Flavio Insinna, speaker da 5 anni della diretta Rai della manifestazione.»

Federico Russo e Flavio Insinna
Federico Russo e Flavio Insinna

Ha poi proseguito: «Da anni c’è una partnership tra Sanremo e l’Eurovision. Nessun prodotto può essere proposto ed avere subito grandi riscontri, è un processo progressivo che porterà il nostro pubblico ad affezionarsi al format, già molto più apprezzato in Germania e nei paesi della Scandinavia. Il tessuto narrativo dell’evento vi soddisferà. Ci sarà un’anteprima dopo il TG1, alle 21 lo show internazionale trasmesso in 47 emittenti dove ci saranno anche tre nostri frammenti e si concluderà poco prima di mezzanotte»

Ha poi preso la parola il direttore artistico e presentatore dello scorso Festival di Sanremo Amadeus: «Un piacere rivedere compagni di viaggio del Festival, l’ultimo momento di aggregazione popolare, sono felice che siano stati mesi bellissimi per Diodato che saluto e abbraccio. Merito suo e della Carosello per un progetto importante realizzato. Sono rimasto colpito dall’atmosfera di questo brano e ho pensato che doveva far parte del Festival. Ero convinto che se avesse allargato le braccia, avrebbe potuto vincere. Alla prima puntata lo ha fatto e ho pensato che potesse davvero vincere, rilascia un’emozione pazzesca, avvolge e non mi annoia dopo ben 7 mesi che l’ascolto, anzi sono sicuro rimarrà nella storia del Festival.» 

Amadeus - Conferenza Europe Shine a Light
Amadeus – Conferenza Europe Shine a Light

Jon Ola Sand, produttore dell’Eurovision, pilastro dello show con esperienza ed impegno è riuscito a realizzare in poco tempo questo programma: «Vogliamo vivere uniti questa serata e siamo sicuri che l’Eurovision tornerà più forte di prima. Adoro Diodato, spero di collaborare con lui in futuro. Sono felice sia diventata una canzone simbolo di questo periodo di emergenza.» La sorpresa sarà che Diodato si esibirà in Fai rumore in una sede che unisse l’immagine conosciuta in tutta Europa per i concerti al suo interno e il contenuto di un tema fondamentale, quest’emergenza sanitaria: l’Arena di Verona. Sarà in contemporanea anche su Tele San Marino, Rai 4, Rai Play e Rai Radio 2.

Prende poi la parola Antonio Diodato: «Grazie per le bellissime parole avute nei miei confronti, quando l’ho scritta sono partito dalla mia intimità, dalla ricerca di un muro per combattere l’incomunicabilità, pensavo di aver raggiunto un picco emotivo con la vittoria del Festival e mai avrei pensato che sarebbe diventato un urlo di liberazione dai balconi, mi ha sconvolto e mi ha ricordato il senso profondo della musica. Non ci sarà l’Eurovision e mi dispiace perché si tratta dell’evento televisivo più visto al mondo ma sono grato a Jon e alla Rai per aver organizzato questo programma alternativo. La musica sottolinea il fatto che siamo tutti uguali. che possiamo restare uniti, bisogna sottolineare che l’Europa ha avuto difficoltà di dimostrare unità in questo periodo e questo evento vuole dare un segnale anche in quel senso. Vi ringrazio per aver reso possibile quest’esibizione all’Arena di Verona, cantare da solo in un tempio della musica mondiale quel brano mi ha emozionato tantissimo ed è per me un motivo di grande orgoglio.»

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui