Dora e la città perduta, recensione: la giovane esploratrice fa flop

Dora e la città perduta, recensione

Dora e la città perduta è un action movie che trae origine dal noto cartoon senza riuscire ad eguagliarne lo spirito: storia e personaggi sono deludenti, appena credibili.

A Parapata alla ricerca di mamma e papà

Dora (interpretata da Isabela Moner) è cresciuta con due genitori (Eva Longoria e Michael Peña) sempre in giro per il mondo nell’intento di ‘scoprire’ e non di ‘cercare’. Il loro interesse per l’esplorazione è di carattere puramente scientifico, mai avido. Quando però la coppia scompare nella foresta amazzonica, allora lei è costretta a lasciare la sua vita da adolescente un po’ stralunata per partire alla volta del Brasile con una missione importantissima: ritrovarli nella selvaggia Parapata e, ovviamente, riportarli a casa sani e salvi. Ad aiutare Dora in quest’avventura ci saranno suo cugino Diego (Jeffrey Wahlberg), la sua amica Sammy (Madeleine Madden) e un’abilissima scimmietta di nome Boots.

Una giovane protagonista piena di brio

Partendo dai lati positivi, bisogna riconoscere una certa frizzantezza alla giovane protagonista di Dora e la città perduta. Isabela Moner, secondo quanto da lei affermato in una featurette dedicata al cast, è sempre stata fan del personaggio interpretato sul grande schermo. Tale attaccamento in un certo senso si vede, tant’è che la sua performance fa trasparire un brio e una vivacità capaci di dare un pizzico di pepe ad alcune scene. La Moner tuttavia non può fare tutto da sola e certamente non basta a risollevare le sorti di un progetto che avrebbe dovuto poggiarsi su basi molto più solide. Gli esperti Eva Longoria e Michael Peña sono relegati ad un ruolo poco più grande di una comparsata e non hanno tempo – né modo – di lasciare il segno.

Dora e la città perduta: Isabela Moner, Eva Longoria e Michael Peña in una scena del film
Isabela Moner, Eva Longoria e Michael Peña in una scena del film

Un progetto difettoso

Il cartone animato Dora l’esploratrice è stato apprezzato dai bambini e dai ragazzi di intere generazioni nonostante la semplicità e la linearità delle sue avventure. Purtroppo la trasposizione cinematografica del personaggio non riesce ad aggiungere nulla a quella semplicità. Al contrario, riesce a toccare una certa banalità sia nella trama che nei suoi protagonisti, appena credibili e ben lontani dall’essere convincenti. Non è chiaro se l’intento fosse quello di colpire la platea più giovane di oggi o quella di far rivivere la magia di Dora ai ‘fan’ di ieri. L’incertezza, tuttavia, rende il film poco adatto sia agli uni che agli altri. Le canzoni e alcune battute, inoltre, rendono l’atmosfera ridicola e a tratti sgradevole: insomma, impossibile far davvero quadrare i conti.

La sceneggiatura non fa centro

Ovviamente nell’approcciarsi ad una pellicola di questo tipo non ci si può aspettare una profondità di contenuti e di intrighi paragonabili ad un thriller o ad una spy-story. Semmai, dovrebbe trionfare un’allegria e una spensieratezza capaci di allietare il pubblico per l’intera durata del film. Pur considerando questo punto di partenza, Dora e la città perduta non riesce davvero a risultare convincente. La regia di James Bobin – già visto dietro la macchina da presa de I Muppets, i Muppets 2 e Alice attraverso lo specchio – complice ovviamente la sceneggiatura di Nicholas Stoller (in collaborazione con Matthew Robinson), non fa centro e condanna il lungometraggio ad un risultato davvero poco soddisfacente.

Dora e la città perduta arriva nelle sale italiane il 26 settembre 2019 distribuito da 20th Century Fox Italia.

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui