Donatella Finocchiaro, madre fallita in Youtopia: stop alla web dipendenza

Video intervista esclusiva a Donatella Finocchiaro, co-protagonista di Youtopia nei panni di una madre fallita e alcolizzata con la figlia che vende la sua verginità online. E invita tutti a smettere con la dipendenza da web.

Vi presentiamo la nostra video intervista esclusiva a Donatella Finocchiaro, protagonista del film Youtopia, in cui interpreta il complicato ruolo della madre fallita e alcolizzata di una ragazza (Matilda De Angelis) che, avendo bisogno di soldi, diventa prima una camgirl e poi mette addirittura in vendita online la sua verginità. Youtopia è nelle sale dal 25 aprile 2018, distribuito da Koch Media.

Sinossi: Sette miliardi di persone, ogni giorno, desiderano quello che non hanno. Ernesto (Alessandro Haber), un farmacista di 60 anni, sposato con un figlio, è convinto che la felicità si misuri con il possesso. E nonostante abbia già moltissimo, è insoddisfatto. Alla continua ricerca di evasione Ernesto alterna la routine della vita famigliare con squallidi incontri notturni. Laura (Donatella Finocchiaro) è una donna di 44 anni che aspira a quell’ideale di vita patinata come si racconta in TV: luccicante e serena. Si ritrova invece senza lavoro, con un mutuo che fatica a pagare e una figlia di 18 anni, Matilde (Matilda De Angelis), da mantenere. Matilde, per sfuggire a una realtà che non le permette di avere quello che desidera, si rifugia nel web. Qui scopre un mondo a parte e una scorciatoia per facili guadagni: utilizzare il proprio corpo e spogliarsi davanti alla webcam. La ragazza viene a conoscenza delle molteplici difficoltà economiche della madre e si offre di aiutarla raccontandole di come abbia messo da parte i soldi. Il loro rapporto si stravolge così per sempre, anche perché gli spogliarelli non sono sufficienti a coprire i debiti e la perdita della casa è una possibilità sempre più concreta per Laura e Matilde. La ragazza decide così, con il consenso sofferto e disperato della madre, di indire un’asta online per vendere la propria verginità. Ernesto, nella sua costante ricerca di forti emozioni e di nuove “cose” da possedere, riesce ad aggiudicarsela. Matilde per lui rappresenta la trasgressione estrema, ma anche l’idea di poter comprare la purezza. I mondi di Ernesto, Matilde e Laura si incroceranno indissolubilmente.

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui