Home Cinema e Film Recensioni Film e Cinema Dietro la notte, recensione: thriller-noir all’italiana in cui nulla è come sembra

Dietro la notte, recensione: thriller-noir all’italiana in cui nulla è come sembra

Dietro la notte - Stefania Rocca (2)
Dietro la notte - Stefania Rocca (2)

La nostra recensione di Dietro la notte, debutto cinematografico di Daniele Falleri con Stefania Rocca, Fortunato Cerlino, Roberta Giarrusso ed Elisa Visari: una pellicola che va dal thriller al noir caratterizzata da continui colpi di scena

Tutto in una notte

Marta (Stefania Rocca) deve partire alla volta di Dubai per trasportare un ingente carico di diamanti. Non è la prima volta che il prestigioso opificio per il quale lavora le affida pietre preziose da consegnare a gioiellieri internazionali. La sera che precede questo importante viaggio Bruno (Fortunato Cerlino), prestigiatore di professione e suo nuovo compagno, l’accoglie innamorato. Ben diverso è il tono aggressivo ed intransigente con cui le si rivolge Elena (Elisa Visari), la figlia diciassettenne appena tornata dal collegio, che la incolpa della separazione dal padre e non accetta minimamente la sua relazione con Bruno. Elena è spalleggiata dalla zia Giulia (Roberta Giarrusso), trasgressiva sorella minore di Marta, anche lei intollerante a Bruno. Cala la notte e i due amanti restano soli perché Elena passerà la notte da un’amica mentre Giulia va al lavoro. Quella che si prospetta come una tranquilla serata fra due innamorati, si trasforma improvvisamente in un incubo: Bruno viene narcotizzato, Marta ed Elena rinchiuse in uno stanzino, il tutto per aprire la cassaforte che contiene i diamanti. Ma niente è davvero come sembra.

Dietro la notte – Fortunato Cerlino

Cast fuori dalla propria comfort zone

Daniele Falleri si affida ad un cast di livello per il suo esordio cinematografico. A ciascuno di loro, il regista (che qui ricopre anche il ruolo di sceneggiatore) chiede di uscire dalla cosiddetta comfort zone per spingersi verso interpretazioni lontane dai loro standard. Il compito non risulta impossibile all’ottimo Fortunato Cerlino, che tocca i toni della commedia e quasi della caricatura con il suo Bruno. Convincente anche l’interpretazione di Stefania rocca, nei panni la donna in carriera sicura di sé che al tempo stesso fa fatica ad avvicinarsi nel modo giusto alla figlia adolescente. Completano il cast la fresca ed emergente Elisa Visari e Roberta Giarrusso, la cui avversione nei confronti di tutto (tranne la nipote Elena) lascia presagire che sotto ci sia qualcosa di ben più profondo.

Plot caratterizzato da continui colpi di scena

Dietro la notte è una pellicola che si differenzia dalle altre e che si lascia vedere con curiosità. Merito soprattutto di un plot per nulla banale, che riserva continui colpi di scena perlopiù imprevedibili. Nulla è davvero come sembra. Allo stesso modo, è difficile capire fino in fondo chi siano i buoni e che siano davvero i cattivi. Tali etichette si attaccano e staccano dei personaggi in modo continuo e mai citofonato, offrendo una storia avvincente che risente solamente di qualche passo falso. Nonostante sia evidente una certa ironia di fondo, alcune scene appaiono fin troppo caricaturali e non tutti i personaggi secondari riescono ad integrarsi uniformemente nella sceneggiatura (ne è un esempio il travestito Alfio interpretato da Sebastian Gimelli Morosini, marginale nella storia ma importante ai fini della chiusura del cerchio).

Dietro la notte – Elisa Visari, Stefania Rocca e Roberta Giarrusso

La componente femminile

A livello cromatico, il buio della notte si alterna ai colori forti di altri scenari. Basti pensare allo stanzino nel quale vengono rinchiuse Marta ed Elena, insieme alla variopinta collezione di scarpe della prima. Da rimarcare, infine, l’importanza della componente femminile. Le donne non sono relegate a vittime oppure a semplici complici. Sembra ormai lontana l’era in cui tale marginalità era data quasi per scontata. Sebbene le carte vengano continuamente rimescolate, le protagoniste di Dietro la notte sono donne dal carattere diverso, accumunate tuttavia dal desiderio di una vendetta personale o dalla risoluzione di alcuni rapporti complicati. In entrambi i casi, si tratta di personaggi forti e fragili allo stesso tempo, qualche volta stonati nei loro eccessi, ma gli azzardi tentati da Falleri possono certamente considerarsi azzeccati nel complesso.

Dopo aver ripetutamente saltato l’uscita nelle sale, Dietro la notte è disponibile su Sky Prima Fila Premiere a partire dal 28 aprile. Le musiche sono di Vittorio Giannelli. Nel cast anche Daniele Nicoli e Jonis Bascir.

VOTO:
3 stelle e mezza

Nessun commento

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Exit mobile version