Daniele Barsanti, intervista: “Vi presento il mio singolo d’esordio Le commesse”

Daniele Barsanti

La nostra intervista a Daniele Barsanti, in occasione dell’uscita del singolo d’esordio Le commesse, spaccato di vita in chiave synth-pop.

Negli ultimi mesi ci siam trovati a fare i conti con la nostra quotidianità e con il riflesso di noi stessi, giorno dopo giorno: la routine, talvolta, sembra una di quelle magliette piegate, ripiegate e lasciate su uno scaffale. E’ da questa metaforica scena che prende forma Le commesse, ultimo brano di Daniele Barsanti. Uno spaccato di vita, una ballata dalle sonorità synth-pop che racchiude una serie di riflessioni ruotando attorno ad un ignoto protagonista. Abbiamo fatto una chiacchierata con lui. Ecco la nostra intervista.

Come mai hai scelto le commesse come le protagoniste del tuo singolo d’esordio?
E’ stato una questione di casualità, la scena che mi sono trovato davanti mi ha raccontato
qualcosa di forte di sincero non potevo far finta di niente. Con le canzoni è così, ti arrivano quando gli pare a loro anche alle 3 di notte e non puoi far finta di niente, ignorarle. Se le ignorassi forse dovrei cambiare il mio obiettivo.
Una descrizione non solo di un settore lavorativo ma del precariato in generale. Ti ritieni anche tu precario nel tuo fare il cantautore?
No, la precarietà è una condizione che bisogna provare sulla propria pelle e non me la sento addosso. E’ piuttosto una questione di emergenza espressiva. Di dover far fronte a delle domande che mi arrivano e che riesco ad esorcizzare con le canzoni, come ti dicevo prima.
Daniele Barsanti
Daniele Barsanti
Nel sound e nella voce mi hai ricordato un po’ Tommaso Paradiso un po’ Vasco Rossi. Quali sono le tue influenze?
Vasco Paradiso e Tommaso Rossi. Il fatto è che non esiste una fonte chiara di dove arriva
l’ispirazione, ascolto tutto ed a volte esce qualcosa dal mio cervello di subito masticato e
rielaborato, magari anche solo una frase, da cui nasce tutto il resto.
Quali sono i prossimi step per quanto riguarda il tuo progetto musicale?
Registrare un bel disco, lavorarci bene, ho una selezione di brani che hanno un linguaggio comune a cui ho lavorato molto per ottenerlo e vorrei farli arrivare a più cuori possibili.
Ti salutiamo chiedendoti di fornirci un motivo per incuriosire i nostri lettori ad ascoltare la tua musica e a seguirti. Grazie
Non mi piace la trap, non me ne frega nulla dell’itpop faccio le canzoni come piacciono a me, vere, sane, tipo le ricette di Fatto in casa per Voi. A parte gli scherzi, siamo seri ragazzi, Facciamo una risata.

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui