Cosmotronic: la recensione del nuovo album di Cosmo

Cosmotronic di Cosmo

Due anni dopo L’ultima festa, Cosmo torna con Cosmotronic: quindici tracce dove il pop d’autore incontra la musica elettronica.

Un gradito ritorno

Era uno dei dischi più attesi e, sicuramente, non ha deluso: Cosmotronic, il nuovo lavoro in studio di Cosmo (prodotto dall’etichetta 42 records che si dimostra una delle sorprese più belle degli ultimi anni), ci offre una veduta ampia sul mondo dell’artista d’Ivrea: quindici tracce divise a metà tra brani elettro/pop influenzati dalla leva cantautorale più cara all’artista (da Battisti a Battiato), e pezzi realizzati come un produttore, con brani lunghi, molto dritti (e con poco cantato), che strizzano l’occhio alla musica da club.

Doppio cd=ascolto variegato

L’uscita, poco più di un mese fa, del doppio singolo Turbo/Attraverso lo specchio (di cui avevamo parlato qui), aveva subito messo in chiaro all’ascoltatore, il carattere biunivoco dell’album: brani come Tutto bene, Quando ho incontrato te, Turbo, L’amore e la già nota Sei la mia città, sembrano essere quelli destinati a ricevere i maggiori favori del pubblico, dove Cosmo (qui la pagina ufficiale) fa i conti con la scrittura più autobiografica, parlando di se stesso agli altri, con brani che (nonostante caratterizzati dalla base elettronica leitmotiv di Cosmotronic), sembrano perfetti per il passaggio radiofonico. Per contraltare, ecco che la seconda parte deriva verso lo strumentale, con sonorità fredde tra techno minimale (come i brani Ivrea-Bangok e La notte farà il resto), trip acidi, rullanti costanti (Tristan Zarra con il suo coro polizia polizia/pizzeria pizzeria), perfetti da far risuonare nei club italiani ed Europei, spingendo sulla forza magnetica della cassa.

Cosmotronic - nuovo album Cosmo
Cosmo durante un concerto

Un disco coraggioso

Il credito ottenuto dopo con l’ultimo album avrebbe potuto spingere Cosmo a restare nella sua comfort zone. Per fortuna, l’artista ha deciso di non adagiarsi, spingere sul mondo sonoro interiore e regalarci un album coraggioso, che (con tutti i difetti del caso), vuole emergere dal pantano musicale italiano, fatto di ritornelli facili e melodie banali, nella speranza di immettere nuovi elementi da cui ripartire. Cosmotronic, in questo senso, può aiutare a cambiare orizzonti.

Cosmotronic, nuovo album di Cosmo, è uscito il 12 gennaio per l’etichetta 42 Records.

Voto

 

 

 

 

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here