Coronavirus, Conte firma nuovo dpcm: tutto chiuso fino al 3 maggio, poi fase 2

Conte 2

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte fa il punto sulle restrizioni e sulle strategie verso la fase 2, si concentra sulla trattativa con l’Eurogruppo e critica Matteo Salvini e Giorgia Meloni per aver mentito sul Mes.

Una conferenza stampa molto attesa quella tenutasi questa sera a Palazzo Chigi da parte del presidente del Consiglio Giuseppe Conte che ha esordito facendo il punto sulle strategie che ci porteranno alla fase 2 e sulle restrizioni: «Siamo tutti immagino impazienti di ripartire, l’auspicio è che dopo il 3 maggio si possa ripartire con cautela e qualche gradualità ma dipenderà dal nostro comportamento, dobbiamo compiere questo ulteriore sforzo, continuare a mantenere le distanze sociali». La proroga del lockdown, vale anche per le attività produttive ma con alcune riaperture il 14 aprile, giorno dopo Pasquetta. In particolare le librerie e cartolerie, i negozi di abbigliamento per bambini e le aziende di silvicoltura.

I dati sulla diffusione del contagio non lasciano ancora spazio all’ottimismo. Anzi. Nei prossimi giorni si ripeteranno gli appelli ad evitare scampagnate e già il Viminale ha fatto sapere che per il weekend ci sarà un rafforzamento dei controlli, soprattutto sulle autostrade e in questo senso è da considerare il motivo della proroga visto che i ponti del 25 aprile e del 1 maggio avrebbero inevitabilmente portato a cospicui spostamenti da parte della popolazione, stanca di stare in casa e di rinunciare alla possibilità di spostarsi.

Il discorso di Giuseppe Conte poi si concentra sulla trattativa all’Eurogruppo: «Serve ambizione. La principale battaglia è un fondo da finanziare con una vera e propria condivisione economica dello sforzo, come ad esempio gli Eurobond. Serve una potenza di fuoco proporzionata alle risorse di un’economia di guerra e deve essere disponibile subito. Condurremo fino in fondo la nostra battaglia». Conte si scaglia infine contro Giorgia Meloni e Matteo Salvini, a proposito del Mes: «Mentono, il Mes c’è già dal 2012. Questo governo non lavora con il favore delle tenebre. Non abbiamo firmato nulla. È una menzogna questa cosa. Le menzogne ci fanno male, perché ci indeboliscono nella trattativa».

Conferenza stampa

In diretta da Palazzo Chigi

Pubblicato da Giuseppe Conte su Venerdì 10 aprile 2020

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui