Coronavirus 12 marzo, Protezione Civile: superati i 1000 decessi. Borrelli: “Donate il sangue”

Coronavirus 12 marzo, Protezione Civile: 188 decessi. Borrelli:

Coronavirus, il bollettino del 12 marzo 2020: Angelo Borrelli e il dott. Paolo D’Ancona dell’Iss hanno aggiornato il numero dei nuovi contagi, quello dei decessi e quello dei dimessi guariti. Poi l’invito: continuate a donare il sangue.

Il capo della Protezione Civile Angelo Borrelli, accanto al dott. Paolo D’Ancona dell’Istituto Superiore della Sanità, ha divulgato il numero aggiornato con i nuovi contagi in Italia, i decessi e i dimessi guariti nel corso della consueta conferenza stampa (in basso il video integrale). Purtroppo le cifre sono ancora in crescita, come prevedibile.

La giornata è stata caratterizzata da 213 dimessi guariti, per un totale di 1258. I decessi salgono invece di 188 unità, per un totale di 1016. Sono stati registrati 2214 nuovi contagi. In tutto si arriva a 12.839 casi. Di questi 6650 persone si trovano ricoverati con dei sintomi, 5036 si trovano in isolamento fiduciario e volontario nelle loro abitazioni, 1133 (dato stabile al 10%) sono invece in terapia intensiva e sub-intensiva.

Finora il 98% dei deceduti aveva più di 68 anni, mentre il 67% era affetto da patologie pregresse. Al momento la Protezione Civile sta impiegando 4600 uomini per far fronte all’emergenza di cui 2159 sono impiegati nell’assistenza agli ammalati. A questi numeri si aggiunge ovviamente il personale sanitario e gli oltre 1700 volontari. Sono state allestite 515 tende per il pre-triage (53 in più rispetto al giorno precedente). Inoltre sono stati distribuiti oltre 4 milioni di dispositivi per la protezione individuale (Dpi), tra cui oltre 1 milione di mascherine nella sola giornata del 12 marzo.

Nel corso della conferenza stampa è stata sottolineata l’importanza di donare il sangue: in questo periodo si è verificata una forte contrazione e l’appello di Borrelli è stato proprio quello di continuare a farlo, prendendo un appuntamento e recandosi negli appositi centri di raccolta. Un accenno poi ai senza tetto: l’intenzione della Protezione Civile è quello di intervenire anche nei confronti di questi soggetti più deboli. Poco da dire, infine, verso il farmaco contro l’artrite che sembra dare effetti positivi nei soggetti risultati positivi al Coronavirus. Al momento sono in corso dei test volti ad uno studio più approfondito: nei prossimi giorni sarà possibile avere i primi verdetti.

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui