Copia originale, recensione della cinica commedia sulla difficoltà di essere se stessi

Copia originale - Richard E. Grant e Melissa McCarthy

Copia originale, di Marielle Heller, con Melissa McCarthy e Richard E. Grant è una commedia amara, a tratti profondamente cruda, sul senso di inadeguatezza e sull’accettazione di sé in un mondo che respinge invece di accogliere.

Una vicenda realmente accaduta

Copia originale di Marielle Heller è ambientato a New York, nel 1991, anno complesso e di cambiamento per il mondo della letteratura. Lee Israel (Melissa McCarthy) ha un grande talento e un pessimo carattere. L’alcolismo e la misantropia le alienano qualsiasi possibilità di carriera. Licenziata per aver come sempre, esagerato, deve trovare presto un altro modo per farsi conoscere e così riuscire a pagare l’affitto e a curare il suo adorato gatto. Due lettere di Fanny Brice, rinvenute per caso in un libro della biblioteca e vendute a 75 dollari, le forniscono l’idea che cercava. Biografa di talento, mette a frutto la sua conoscenza della materia e il suo talento di scrittrice. Seduta alla macchina da scrivere compone finte lettere di grandi autori scomparsi. Affiancata da Jack Hock (Richard E. Grant), spirito libero, gioioso e distruttivo, Lee riesce nell’impresa. Almeno fino a quando l’FBI non si mette sulle sue tracce.

Emancipazione vs solitudine

Lee Israel, autrice incompresa e misantropa, burbera e che odia il contatto umano, sembra essere nata nel periodo sbagliato. È quel tipo di persona che resterà fedele alla macchina da scrivere quando il mondo inizierà ad essere sopraffatto dall’avvento dei computer e che forse, per spirito di contraddizione, tornerebbe anche all’amata carta e penna. Copia originale non è solo un film sui piccoli affari illegali che Lee commette per sopravvivere, ma è il racconto di una donna che fatica a trovare il proprio posto nel mondo, una donna sola e forse legata ad una solitudine che le dà sicurezza e protezione. Perché legarsi a qualcuno e fidarsi, per tutti, ma per Lee ancor di più, è sempre difficile.

Copia originale - Melissa McCarthy
Lee Israel (Melissa McCarthy fedele alla sua macchina da scrivere continua a contraffare lettere

Vivere o sopravvivere?

I motivi per cui Lee riesce e continua in un’impresa particolare, apparentemente innocente dato che si parla di lettere di personaggi che non ci sono più, sono molteplici. Dall’ottenere finalmente i soldi che le servono all’essere stata capace di tenere in pugno e farla franca in un mondo che tanto la respingeva; Lee Israel, eterna diversa, è riuscita per mesi a prendere in giro la società che le intimava giorno dopo giorno di conformarsi. Con queste false lettere la protagonista, una straordinaria Melissa McCarthy, può essere se stessa, tra battute pungenti e cruda comicità, può sentirsi finalmente viva. Probabilmente e inconsapevolmente, è questo che manca a Lee: la gioia di vivere. Ma l’ottima interpretazione dell’attrice porta a chiedersi: come darle torto?

Processo di identificazione

Lee ha talento, ha qualcosa da dire, quando si nasconde dietro figure come Dorothy Parker, Louise Brooks, Margaret Mitchel, Lillian Hellman la gente la adora, ma non è abbastanza elegante, femminile, altolocata, semplicemente non vuole essere un personaggio costruito e diverso per piacere agli altri. Lee e il suo amico e socio Jack Hock, strepitoso Richard E. Grant, rendono il film Copia originale un racconto a più strati, due personalità forti in cui è facile immedesimarsi e con cui è facile empatizzare, per quanto possano essere apparentemente persone difficili e particolari. Una regia che fotografa perfettamente gli anni ’90 di una Manhattan in evoluzione, dai colori ai bar, pub e locali in cui si svolge, rendono il film coinvolgente e commovente, sicuramente amaro e denso di quei drammi e tormenti che vive Lee Israel. Convinta di essere amata solo dal suo gatto ha un disperato bisogno di allontanare gli altri, sentendosi sempre troppo inadeguata.

Copia originale, di Marielle Heller, con Melissa McCarthy, Anna Deavere Smith, Julie Ann Emery, Richard E. Grant, Dolly Wells, Joanna P. Adler, Marc Evan Jackson, Christian Navarro, Alice Kremelberg, Jane Curtin uscirà il 21 febbraio distribuito dalla 20th Century Fox.

Voto

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here