Coincidenze d’amore, recensione della rom com con Meg Ryan e David Duchovny

Coincidenze d'amore - David Duchovny e Meg Ryan
Coincidenze d'amore - David Duchovny e Meg Ryan

Coincidenze d’amore, recensione della rom com diretta da Meg Ryan, che la interpreta insieme a David Duchovny: un gioco romantico tra passato e futuro, che punta tutto sulla sceneggiatura seppur senza successo

Rincontrarsi dopo 20 anni

Bill (David Duchovny) e Willa (Meg Ryan) hanno avuto in passato una relazione sentimentale e ora si ritrovano bloccati per una notte in un piccolo aeroporto a causa di una tempesta di neve. Con un ritardo non quantificato, Willa, dotata di una spiccata emotività, e Bill, sostanzialmente un catastrofista, tornano a vivere attrazione e fastidio l’uno per l’altro esattamente come decenni prima. Fra la ricostruzione del loro passato in comune e il giudizio sulle proprie vite confrontate con i sogni condivisi di un tempo, inizia a insinuarsi il dubbio che l’incontro possa non essere una semplice coincidenza, ma qualcosa più simile a un incantesimo.

Opera seconda per Meg Ryan

Presentato in anteprima al Bif&st – Bari Film Festival, Coincidenze d’amore è una commedia romantica scritta, diretta ed interpretata da Meg Ryan. Per l’ex fidanzatina d’America si tratta della seconda esperienza come regista dopo Ithaca – L’attesa di un ritorno del 2015. La pellicola è tratta dall’opera teatrale Shooting Star di Steven Dietzm datata 2008, il che rende comprensibile la scelta di un’unica ambientazione nella quale i due protagonisti possono parlare, ricordare – nel bene e nel male – i tempi andati attraverso flashback, riflettere su ciò che li ha allontanati ma anche su ciò che li ha fatti innamorare. Tra tanto parlare e poco agire si finisce però con l’appiattirsi, e i motivi del fallimento sono molteplici e coinvolgono vari livelli.

Coincidenze d'amore - Meg Ryan e David Duchovny
Coincidenze d’amore – Meg Ryan e David Duchovny

Mancanza di chimica

I due nomi in cartellone fanno accendere un campanello di curiosità nel pubblico, che si aspetterebbe una performance quanto meno al livello da parte di due attori che hanno dato vita a titoli quali Harry ti presento Sally, Insonnia d’amore, C’è posta per te, X-Files e Californication. Le attese purtroppo sono però destinate a naufragare ben presto. Meg Ryan e David Duchovny appaiono infatti appesantiti, fuori fuoco e incapaci di tenere la scena. A tutto ciò si aggiunge la mancanza di chimica tra i due, i quali al contrario dovrebbero apparire come due ex fidanzati che in passato si sono tanti amati.

Lacune nella sceneggiatura

Se il legame sentimentale tra Bill e Willa non convince nemmeno un po’, la colpa va attribuita anche ad una sceneggiatura che non possiede né il carisma né la forza necessaria a mantenere vivo l’interesse. Coincidenze d’amore è il classico film che si poggia interamente sulla sceneggiatura, non potendo contare su molti altri elementi vista la sua struttura asciutta. Per questo sorprende il modo poco brillante con il quale si cerca di portare a casa un mero compitino. I dialoghi sarebbero dovuti essere molto più brillanti, il ritmo più incalzante, la conclusione più incisiva. A volte qualche improvviso guizzo fa sperare in un repentino cambio di rotta, ma purtroppo nulla riesce ad interrompere l’inerzia di un film che fa acqua da tutte le parti.

TITOLO Coincidenze d’amore
REGIA Meg Ryan
ATTORI Meg Ryan, David Duchovny
USCITA 11 aprile 2024
DISTRIBUZIONE Universal Pictures

 

VOTO:

2 stelle e mezza

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci qui il tuo nome