Cinque donne del Sud, interpretate da Beatrice Fazi al Teatro 7

Cinque donne del sud

Dal 17 al 22 aprile va in scena a Roma al Teatro7 Cinque donne del Sud, scritto e diretto da Francesca Zanni e interpretato da Beatrice Fazi. Uno spettacolo in cui l’attrice, al suo debutto in un monologo e con la versatilità che la contraddistingue, si immedesima in cinque donne, cinque personaggi, cinque caratteri e caratterizzazioni, cinque generazioni.

Cinque donne del Sud di Francesca Zanni, in scena al Teatro7, con un tono sempre in bilico tra il brillante e la commozione e uno sguardo fortemente ironico su chi siamo stati e chi diventeremo, ci racconta di come è cambiata la nostra vita: la coppia, il rapporto tra madri e figli, l’emancipazione femminile.  Ma anche di come, nonostante tutti i progressi fatti, quando si parla di sentimenti, siamo sempre alle prime armi. Dal 1887 al 2018, le cinque donne ci portano per mano attraverso i grandi cambiamenti epocali, le abitudini e le superstizioni, le leggende e il folclore, viaggiando dal Sud Italia al Nuovo Mondo, attraversando grandi rivoluzioni, delusioni e speranze, passando dalla vita contadina a quella iperconnessa,  avanzando verso un futuro che cambia e che le cambia. E cambia anche la lingua che parlano, in un’evoluzione che attraversa generazioni e continenti: dal profondo Sud che usciva appena dal brigantaggio all’America degli emigranti e poi di Woodstock; dai primi movimenti di emancipazione della donna al vuoto di valori degli anni ’90 del novecento; dalla donna evoluta, indipendente e di successo che ha tre mariti e non ne indovina nessuno, fino alla ragazzina che ha già le idee chiare e quando rimane incinta decide di fare famiglia nonostante vada ancora al liceo.

Ma chi sono io? Da dove vengo?  In America ero “l’italiana”. A Milano “l’americana” e qui a Roma mi chiamano “la milanese”, perché questo accento mi è rimasto incastrato tra i denti, come un seme di fragola. Lo sentite? Bisogna sapere da dove si viene, per sapere dove andare. La mamma meridionale, la ribelle femminista, la figlia dei fiori naif, la manager e l’adolescente nativa digitale: ognuna di queste donne ci fa conoscere un pezzo di storia, la sua personale ma anche quella del nostro Paese. Le loro conquiste le abbiamo vissute, le loro paure sono le nostre, la loro forza ci appartiene. A fare da corollario al racconto, una scena fatta di proiezioni, attraverso cui lo scorrere del tempo sarà sempre tangibile, ricordandoci volti e fatti che fanno parte della memoria storica di tutti noi. Anche la colonna sonora attraversa tutto il secolo, dalla musica popolare di fine ‘800 al rap. La scelta della scenografia è volutamente semplice a valorizzare testo e attrice. Unico elemento scenografico infatti è un baule, da cui escono abiti e oggetti che creano di volta in volta l’epoca in cui le cinque donne si muovono. Queste cinque donne non si capiscono, ma in fondo si assomigliano. E scopriranno infine che il luogo da cui scappare diventa quello in cui tornare, perché le nostre radici sono importanti, anche quando vogliamo dimenticarle.

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui