Home Musica Recensioni Musica Cesare Cremonini infiamma Firenze, il racconto del suo primo live al Franchi

Cesare Cremonini infiamma Firenze, il racconto del suo primo live al Franchi

Cesare Cremonini FIrenze
Cesare Cremonini FIrenze - 22 giugno 2022

Ecco la nostra recensione della tappa fiorentina del tour negli stadi di Cesare Cremonini, per la prima volta in oltre vent’anni di carriera live all’Artemio Franchi

Fa tappa a Firenze il tour negli stadi di Cesare Cremonini, previsto nel 2020 ma rinviato per due estati a causa della pandemia. Pubblico delle grandi occasioni e sold out sfiorato con soli alcuni posti vuoti nella curva Fiesole, a testimonianza della popolarità che sta riscontrando il cantautore bolognese dato che ai primi quattro concerti di giugno hanno assistito oltre 150.000 persone. Una scaletta ricca per un concerto di quasi tre ore che è andata a ripercorrere oltre 20 anni di carriera, partendo dai classici dei Lunapop, capaci di vendere milioni di copie nel 1999 come Qualcosa di grande, 50 Special e Un giorno migliore, fino ai singoli dell’ultimo disco La ragazza del futuro, accolto con grande entusiasmo sia da pubblico che da critica.

Cesare Cremonini stadi Firenze

Il primo vero tour negli stadi del Cesare Nazionale, dopo i due live all’Olimpico di Roma e a San Siro nel 2019, sono la definitiva consacrazione di uno degli artisti più completi degli ultimi anni e in continua evoluzione. Uno show che mette al centro la musica ma che non rinuncia a effetti scenografici, come le fiamme che incendiano il palco durante Ciao, la pedana sulla quale sale in apertura e in occasione di Lost in The Weekend fino al commovente omaggio al concittadino Lucio Dalla e il duetto con il suo ologramma in Stelle di mare.

Cesare Cremonini Firenze live

Cesare riavvolge il nastro e ci racconta la sua storia musicale, iniziata giovanissimo a nemmeno 20 anni e che ci restituisce un artista maturo, in grado di scrivere canzoni dense di poesia e dagli arrangiamenti ricercati e di qualità. Si alternano ballate a brani più energici, eseguiti da una band affiatata e guidata dal fedele Ballo che accompagna Cesare dagli esordi e dalla new entry di Davide Rossi agli archi, valore aggiunto soprattutto nei pezzi più lenti e toccanti.

Cremonini è visibilmente emozionato quando il pubblico intona Anche quando poi saremo stanchi troveremo il modo per oltre un minuto, una volta conclusa Poetica con tanto di torce dei telefoni accese per creare un’atmosfera magica e racconta di quando veniva da piccolo in questo stadio per seguire il suo Bologna e mai avrebbe mai immaginato di poterci suonare. Appuntamento a Bari questo sabato, a Roma il 28 giugno e a Imola il 2 luglio per il gran finale.

Cesare Cremonini Firenze 2022

Nessun commento

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Exit mobile version