Celles qui restent: trailer del docufilm che sarà in anteprima al Biografilm Festival

Celles qui restent è il film di Ester Sparatore dedicato a Om El Khir Ouirtatani e alla battaglia delle “donne-fotografia” che sarà presentato in anteprima al Biografilm Festival. Ecco il trailer del film.

Dopo la partecipazione in concorso a Visions du Rèel a Nyon, arriva in anteprima italiana il 9 giugno al Biografilm Festival di Bologna Celles qui restent di Ester Sparatore, prossimamente in uscita anche in sala presentato da Kino produzioni.

Celles qui restent racconta la storia di Om El Khir Ouirtatani, una donna tunisina che insieme ad altre connazionali conduce dal 2012 una battaglia per scoprire la verità su tutti quei mariti, figli e fratelli scomparsi nel tentativo di raggiungere l’Europa. Attraverso la sua storia, la regista mette in luce il dramma che accomuna le “donne-fotografia” – così sono state chiamate, per i ritratti che impugnano – che periodicamente continuano a riunirsi davanti ai palazzi del potere e alle ambasciate per gridare la propria rabbia e il proprio dolore, rivendicando il diritto di conoscere che ne è stato di loro. Le loro azioni di protesta hanno condotto il governo tunisino ad aprire una commissione d’inchiesta che riguarda cinque barche partite da Tunisi per raggiungere l’Italia tra il 2010 e il 2012: a bordo un totale di 500 uomini di cui non si è più saputo nulla. Nabil, il marito di Om El Khir, era tra loro, partito il 29 marzo 2011, quando lei era incinta del loro terzo figlio. Ben lontana dall’essere annientata, Om El Khir ricostruisce la sua vita. Il film racconta la sua lotta e il suo percorso.

Spiega la regista Ester Sparatore: “Non è la prima volta che tratto questi temi, seppur in maniera molto diversa. Nel mio film precedente, Mare magnum, ho provato a raccontare la vita di Lampedusa incuriosita dalla grande attenzione mediatica su questa piccola isola di frontiera più vicina all’Africa che alla Sicilia. Durante il montaggio del film è avvenuto uno dei più grossi naufragi degli ultimi anni, e io e Letizia Gullo, co-autrice del film, abbiamo deciso di utilizzare sui titoli di coda l’appello del sindaco Giusi Nicolini: “Quanto deve essere grande il cimitero della mia isola?”. In qualche modo l’esperienza fatta mi ha portato a voler sapere qualcosa di più su “l’altra sponda”, la Tunisia. Sicilia e Tunisia sono divise da una sottile striscia di mare che è una frontiera naturale, ma allo stesso tempo rappresenta quasi un limite simbolico dell’applicazione dei diritti umani. Ho voluto attraversare questa frontiera, cambiare il punto di vista da chi parte a chi resta, considerando questo progetto quasi una naturale continuazione del mio viaggio, con una rotta contraria a quella dei migranti“.

Celles qui restent

Celles qui restent è una coproduzione Francia-Italia-Belgio Tiresias FilmsKino produzioniHigh Sea Production e Scope Pictures con il sostegno di Aide aux cinémas du mondeFondo sviluppo coproduzioni Italia-Francia CNC-MiBACInstitut FrançaiseEurimagesWomen Make MoviesScam.

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui