Blocco 181, recensione della serie tv con Salmo e una pericolosa periferia milanese

Blocco 181 - Laura Osma, Alessandro Piavani e Andrea Dodero
Blocco 181 - Laura Osma, Alessandro Piavani e Andrea Dodero

La recensione di Blocco 181, serie supervisionata da Salmo e diretta da Giuseppe CapotondiCiro Visco e Matteo Bonifazio: dopo Gomorra e Suburra, amore e crimine in una pericolosa periferia milanese

Blocco contro Misa

Il Blocco 181 è una zona della periferia milanese, abbarbicato su un alveare di appartamenti abusivi e terreno quotidiano di rivalità tra bande. Da un lato ci sono i ragazzi del Blocco, che proteggono lo spaccio organizzato di cocaina. Dall’altro lato ci sono i pandilleros della Misa: tatuati, sfrontati e pronti a dare la vita per la loro gang. Tra pistole e colpi di machete si fa spazio però l’amore di un triangolo intimo e passionale tra l’avvenente Bea (Laura Osma), sensuale e indomita pandillera, Ludo (Alessandro Piavani) borghese festaiolo dalla faccia pulita e Mahdi (Andrea Dodero), tenebroso e protettivo ragazzo del Blocco. La loro relazione è un mix di sesso, amicizia e appartenenza reciproca ad una nuova famiglia. Proprio quel legame li porterà a scalare le gerarchie del sistema criminale, restando uniti l’uno accanto all’altro senza alcun timore di attraversare a viso aperto lo scontro tra Blocco e Latinos.

Prima serie italiana in-house Sky Studios

Blocco 181 è la prima serie italiana in-house Sky Studios. Un progetto interamente prodotto e pensato dalla major, che vede il rapper Salmo nel ruolo per lui inedito di supervisore e produttore musicale, produttore creativo e attore (Blocco 181 – Original Soundtrack è anche un album collaborativo ispirato alla serie in uscita il 27 maggio per Sony Music). Il risultato è una favola metropolitana a tinte dark, in cui sono evidenti i trascorsi dei registi Giuseppe Capotondi (Suburra – La serie), Ciro Visco (Gomorra) e Matteo Bonifazio. I fatti procedono a ritmo di rap e raggaeton, eppure la malavita milanese ha un’importanza cruciale nell’economia della storia.

Blocco 181 - Salmo e Alessandro Tedeschi
Blocco 181 – Salmo e Alessandro Tedeschi

Milano oscura

L’ambientazione rimane ben lontana dalla solita immagine patinata ed efficientissima del capoluogo lombardo. Anche quando si descrive la vita notturna, infatti, si disegna uno scenario contaminato da droga, sesso e malavita. Perché “il crimine, se è invisibile, non esiste”. Ciò che emerge è la periferia delle comunità multietniche, delle case occupate, dello spaccio e delle bande rivali. Il linguaggio scelto (che alterna l’italiano allo spagnolo) non può che essere estremamente diretto nella sua brutalità, dimostrando l’appartenenza ad un genere ben preciso – in cui non mancano sangue, risse e scontri a suon di machete – che ha un suo seguito ma che resterà indigesto a tutta un’altra fetta di pubblico.

Un triangolo di sesso e potere

I tre protagonisti Laura Osma, Alessandro Piavani e Andrea Dodero sanno innegabilmente tenere la scena, anche perché i loro personaggi risultano al 100% complementari. Accumunati dal desiderio di avere di più e attratti gli uni all’altra, il loro rapporto sembra capace di andare oltre l’amicizia e oltre l’amore. Si tratta di un legame libero ma a tratti morboso, eppure capace di sostenerli al punto di spingerli a sfidare i clan di appartenenza. Bea, Ludo e Mahdi vogliono “mettersi in proprio”, ribellandosi a quelle gerarchie che avevano sempre subìto e dalle quali non si sentivano apprezzati. Ma tali ambizioni, con ogni probabilità, presenteranno un conto particolarmente alto da pagare.

Blocco 181 è una produzione Sky Studios con TapelessFilm e Red Joint Film. La serie, composta da 8 puntate, arriva su Sky dal 20 maggio e in streaming su NOW, sempre disponibile on demand. Diretta da Giuseppe CapotondiCiro Visco e Matteo Bonifazio, fanno parte del cast: Laura Osma, Alessandro Piavani, Andrea Dodero, Salmo, Alessandro Tedeschi, Alessio Praticò, Juan Cely, Sergio Andrade, Anna Manuelli, Gina Rivera e Sergio Palau.

VOTO:
2 stelle e mezza

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui