Blanco conquista l’Olimpico di Roma, la sua prima volta in uno stadio

Il racconto della data all’Olimpico di Roma di Blanco, il primo live della sua carriera in uno stadio

Il più giovane artista italiano ad esibirsi in uno stadioBlanco ha conquistato ieri (4 luglio) lo Stadio Olimpico di Roma con il suo adrenalinico show, per la prima volta negli stadi, prodotto da Vivo Concerti Friends and Partners. Artista multiplatino (60 Platini e 4 Disco d’Oro all’attivo) con oltre 3 miliardi di stream complessivi, Blanco ha portato al suo pubblico uno spettacolo curato nei minimi dettagli, articolato in 4 diversi momenti, 4 atti di un unico grande show che si evolve e trasforma in un viaggio attraverso i generi, per la direzione musicale del fidato Michelangelo.

Blanco allo Stadio Olimpico - foto di Roberto Panucci
Blanco allo Stadio Olimpico – foto di Roberto Panucci

Quattro momenti, ciascuno con la propria intensità, per portare sul palco le molteplici sfaccettature del giovane fenomeno. Dalle tracce uptempo ed energiche rivisitate in chiave rock ad un set acustico in cui la voce nuda di Blanco risuona nell’intimità di un falò che si accende sul palco. E ancora spazio ai suggestivi arrangiamenti che hanno coinvolto un’orchestra di 25 elementi e un coro di 50 voci, oltre ad un intermezzo in cui è stata l’elettronica ipnotica di MACE e Michelangelo a guidare lo show. A sorpresa sul palco anche Lazza Drillionaire per la recente collaborazione Bon Ton.

Sul palco allestito a cattedrale gotica, ispirata nello stile e nel lettering all’Innamorato che Blanco ha tatuato sulla schiena (titolo del suo ultimo album, uscito per Island Records / Universal Music Italia e certificato Disco Di Platino), è andato in scena lo show pensato dall’artista assieme all’architetto Fabio Novembre e al suo Studio, che hanno immaginato e curato il concept dell’allestimento così come nel precedente tour. Innamorato è la scritta motorizzata e in led dinamico che svetta trionfale al centro dell’impianto total black fortemente simmetrico, che vede sui lati due schermi sagomati ad arco a sesto acuto e due passerelle per raggiungere ancor meglio il pubblico. Al centro del palco, sotto lo schermo centrale, è presente una scalinata lunga quanto tutto il boccascena che svela all’occorrenza la presenza dell’orchestra, e, ancora più avanti, una pedana romboidale dotata di lift, a ricordare un diamante, permette l’ingresso degli elementi dello show.

La setlist è stata pensata per includere il meglio del repertorio di Blanco, dalle hit di grande successo di Blu Celeste fino ad arrivare ai brani di Innamorato. Romantico e selvaggio, delicato e irruento, scuro e innocente, può urlare a pieni polmoni e sussurrare con un filo di voce. Blanco riesce con naturalezza a plasmare ed esorcizzare l’urgenza delle proprie emozioni, positive e negative, attraverso la musica, uno spazio vitale in cui raccogliersi e sfogarsi.

Sul palco al suo fianco una band incredibile composta dal fedele produttore e polistrumentista MichelangeloCarmine Landolfi, in arte Bdog, alla batteria ed  Emanuele Nazzaro al basso. Tutti i look di Blanco e della sua band sono firmati Dolce&Gabbana. Lo styling è curato da Tiny Idols.

L’estate live di Blanco prosegue il 20 luglio con l’atteso appuntamento allo Stadio San Siro di Milano. Info e biglietti su www.vivoconcerti.com e www.friendsandpartners.it e nei punti vendita autorizzati. L’organizzatore declina ogni responsabilità in caso di acquisto di biglietti fuori dai circuiti di biglietteria autorizzati non presenti nei comunicati ufficiali.

Blanco allo Stadio Olimpico - ph Roberto Panucci
Blanco allo Stadio Olimpico – ph Roberto Panucci

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci qui il tuo nome